Tradizione e futuro


Benvenuto nel sito ufficiale dell'Istituto di Istruzione Secondaria Superiore "Giulio Cesare" di Bari.

Fondato nel 1872, il Giulio Cesare è scuola di grande tradizione di Bari e della sua area metropolitana; ma è anche scuola rivolta al futuro e alla innovazione continua.

In questo sito potrai trovare la descrizione dei percorsi formativi che qui si attuano e tutte le informazioni utili per valutare se iscriverti al "Giulio Cesare".

Classi prime e terze

Pubblicati gli elenchi delle classi prime e terze dell'anno scolastico 2017/2018


Inizio anno scolastico

MERCOLEDÌ 13/09/2017

alle ore 8.15, le classi PRIME dell’Istituto Tecnico Economico;
dalle ore 9.00, le classi PRIME del Liceo Linguistico;
dalle ore 10.00 tutte le classi TERZE.
Le classi prime usciranno alle ore 11,35.
Le classi terze usciranno alle ore 12,25.


Classi prime e terze

Pubblicati gli elenchi delle classi prime e terze dell'anno scolastico 2017/2018


Inizio anno scolastico

MERCOLEDÌ 13/09/2017

alle ore 8.15, le classi PRIME dell’Istituto Tecnico Economico;
dalle ore 9.00, le classi PRIME del Liceo Linguistico;
dalle ore 10.00 tutte le classi TERZE.
Le classi prime usciranno alle ore 11,35.
Le classi terze usciranno alle ore 12,25.


Classi prime e terze

Pubblicati gli elenchi delle classi prime e terze dell'anno scolastico 2017/2018


Inizio anno scolastico

MERCOLEDÌ 13/09/2017

alle ore 8.15, le classi PRIME dell’Istituto Tecnico Economico;
dalle ore 9.00, le classi PRIME del Liceo Linguistico;
dalle ore 10.00 tutte le classi TERZE.
Le classi prime usciranno alle ore 11,35.
Le classi terze usciranno alle ore 12,25.


Classi prime e terze

Pubblicati gli elenchi delle classi prime e terze dell'anno scolastico 2017/2018


Inizio anno scolastico

MERCOLEDÌ 13/09/2017

alle ore 8.15, le classi PRIME dell’Istituto Tecnico Economico;
dalle ore 9.00, le classi PRIME del Liceo Linguistico;
dalle ore 10.00 tutte le classi TERZE.
Le classi prime usciranno alle ore 11,35.
Le classi terze usciranno alle ore 12,25.


Classi prime e terze

Pubblicati gli elenchi delle classi prime e terze dell'anno scolastico 2017/2018


Inizio anno scolastico

MERCOLEDÌ 13/09/2017

alle ore 8.15, le classi PRIME dell’Istituto Tecnico Economico;
dalle ore 9.00, le classi PRIME del Liceo Linguistico;
dalle ore 10.00 tutte le classi TERZE.
Le classi prime usciranno alle ore 11,35.
Le classi terze usciranno alle ore 12,25.


Classi prime e terze

Pubblicati gli elenchi delle classi prime e terze dell'anno scolastico 2017/2018


Inizio anno scolastico

MERCOLEDÌ 13/09/2017

alle ore 8.15, le classi PRIME dell’Istituto Tecnico Economico;
dalle ore 9.00, le classi PRIME del Liceo Linguistico;
dalle ore 10.00 tutte le classi TERZE.
Le classi prime usciranno alle ore 11,35.
Le classi terze usciranno alle ore 12,25.


Classi prime e terze

Pubblicati gli elenchi delle classi prime e terze dell'anno scolastico 2017/2018


Inizio anno scolastico

MERCOLEDÌ 13/09/2017

alle ore 8.15, le classi PRIME dell’Istituto Tecnico Economico;
dalle ore 9.00, le classi PRIME del Liceo Linguistico;
dalle ore 10.00 tutte le classi TERZE.
Le classi prime usciranno alle ore 11,35.
Le classi terze usciranno alle ore 12,25.


Classi prime e terze

Pubblicati gli elenchi delle classi prime e terze dell'anno scolastico 2017/2018


Inizio anno scolastico

MERCOLEDÌ 13/09/2017

alle ore 8.15, le classi PRIME dell’Istituto Tecnico Economico;
dalle ore 9.00, le classi PRIME del Liceo Linguistico;
dalle ore 10.00 tutte le classi TERZE.
Le classi prime usciranno alle ore 11,35.
Le classi terze usciranno alle ore 12,25.



Home

PALMINA MARTINELLI - AMARA TERRA MIA

locandina PalminaSi è tenuta nell’auditorium della sede centrale del nostro istituto la rappresentazione dello spettacolo teatrale “Palmina – amara terra mia”, scritto e diretto da Giovanni Gentile e interpretato da una fantastica Barbara Grilli, due persone che vanno ringraziate con tutta l’anima per il loro lavoro.

Per quanto ci si sforzi di giungere preparati a rappresentazioni di questo tipo, che raccontano fatti veri, fatti che sono ancora (e dovrebbero continuare ad essere) nella memoria di molti, non si è mai pronti alla forza delle parole che vanno dritte al cuore, dritte alla sensibilità, che provocano la rabbia come se tu fossi la sorella o il fratello di Palmina.

Lo spettacolo è iniziato con il sorriso, sulle note del Gioca jouer e di Sharazan, tormentoni degli anni ‘80. Abbiamo riso di gusto alle immagini iniziali, inconsapevoli della durezza del resto dello spettacolo.

La spensieratezza iniziale dello spettacolo, infatti, un po’ come quella della Palmina giovane adolescente, si è spenta subito. Siamo entrati a Fasano, scenario della vicenda. Lì Palmina viveva, nelle case popolari, nella zona malfamata. Il cognato, Cesare Ciaccia, è stato il primo tra i nomi che non si fanno mai ad essere nominato nello spettacolo. Era un affiliato della Sacra corona unita. E ad essa erano affiliati anche Enrico Bernardi e Giovanni Costantini, gli assassini assolti dalla Cassazione ma non dalla stessa Palmina.

Palmina che é stata bruciata viva l'11 novembre 1981, dopo essere stata costretta a scrivere una lettera di addio, ma che con tutte le poche forze che ancora aveva faceva i nomi di Costantino e Bernardi, Giovanni ed Enrico.

Non si può continuare a credere che sia stata suicida dopo la sua testimonianza, non lo riesce a credere nessuno come dopo averla sentita non lo credette quello che allora era il PM, Nicola Magrone: instancabile si batté strenuamente per dimostrare ai giudici la completa innocenza della ragazza. Ma la registrazione che Magrone portò ai giudici a quanto pare non funzionò, come se la testimonianza della vittima di un omicidio non valesse nulla. E Costantino e Bernardi furono assolti dalla Cassazione con formula piena, Palmina da morta accusata di calunnia. Un paradosso penserete, ma a questo è giunta la giustizia italiana, ai paradossi.

Dopo 35 anni la Cassazione ha però riaperto il caso, grazie alla lotta della sorella di Palmina, Giacomina, e del suo avvocato, che grazie ad un cavillo hanno riaperto la vicenda, portando anche nuove perizie fatte sulle foto dell'autopsia, che a leggerle ci si chiede se molte delle conclusioni a cui si è giunti con esse non fossero già logiche.

Lo spettacolo si è concluso con il canto di “Amara terra mia”, un addio, come l'”addio per sempre” trovato sul tavolo della cucina. Quello che per la magistratura era un addio da suicida, Palmina l'avrebbe scritto davvero, ma sarebbe scappata in Germania , mica dalla vita.

Il caso di Palmina è un caso triste, particolare, forte. E un caso emblematico per il comportamento della ragazza, capace di dire no ad una situazione degradante come quella della prostituzione, di dire no al ragazzo di cui era follemente innamorata. La sua capacità di essere donna mantenendosi bambina capace di sognare. Aveva visto di cosa era capace Enrico, sua sorella era stata marchiata come un animale e costretta a prostituirsi alle porte di Locorotondo. Aveva visto di cosa era capace la vita, il suo quartiere era il più brutto della sua città. Eppure ha continuato a lottare, a battersi seguendo una vita diversa.

Ci insegna tanto Palmina. Ci insegna che forse la vita non sarà gentile con noi, che forse non saranno gentili nemmeno le persone attorno a noi come non lo furono molti dopo la sua morte, ma che lottare è l’unica opzione. E lo insegna anche a noi donne, che forse non veniamo costrette a prostituirci, ma che dovremmo imparare a dire no. No alla violenza, no all’odio, no a chi voleva farle del male.

A Palmina è stata di recente intitolata una piazza, coraggiosamente, proprio in faccia ai membri di quella organizzazione mafiosa che furono la causa della sua morte. E a lei dovrebbe essere intitolato anche un cassetto nei nostri ricordi, un cassetto che ci ricordi ogni tanto che rispetto a lei siamo fortunati, tutti, uomini e donne e che anche noi dovremmo dire no, per lei e per tutti quelli che questa fortuna non la hanno.

Viviana Lamboni V A SIA


Creo, Vendo, Apprendo

1492373776181  

Nei giorni 10 -11 Aprile, presso la sede centrale dell'istituto G. Cesare, si è tenuto il mercatino di Pasqua. Questo evento ha rappresentato l'ultima fase del progetto "Creo, vendo, apprendo" previsto nel PTOF che ha visto come protagonisti gli alunni e le alunne diversamente abili dell'istituto Giulio Cesare. Il ricavato della vendita sarà devoluto in beneficenza all'associazione AGEBEO.

I ragazzi che hanno aderito al progetto con l'aiuto dei compagni, delle docenti di sostegno e degli educatori, hanno realizzato una serie di manufatti partendo da materiale di riciclo. Tutte le attività hanno avuto molteplici obiettivi, tra questi il potenziamento delle abilità practognosiche, di ideazione e creatività, ma anche lo sviluppo delle abilità sociali e relazionali che, in alcuni di loro, erano gravemente compromesse, il tutto in un'ottica di inclusione ed integrazione nel contesto scolastico che non sono mai state trascurate dalle docenti. La vendita è servita ad acquisire ulteriori competenze come quelle della gestione e dell'uso del denaro oltre a stimolare le capacità di problem solving.
L'iniziativa ha suscitato enorme interesse ed entusiasmo da parte di molti alunnni, docenti, personale ATA e genitori che hanno contribuito generosamente al successo del progetto.

1492373776181


ItaliaOrienta

L'Istituto Giulio Cesare ha ospitato la Fondazione Italia Orienta che dal 2013 organizza il Primo Educational Tour italiano. Siamo alla Quinta Edizione della giornata di orientamento per gli studenti del nostro Istituto, scuola polo per la città di Bari.

Italia Orienta ha organizzato, mediante i propri esperti, le attività della giornata:
- sessioni di formazione e di orientamento in aula magna
- workshop
- attività di orientamento ed informazione
- questionario di orientamento

 


Sportello di sostegno psicologico

Da venerdì 17 febbraio 2017 sarà attivato uno Sportello di sostegno psicologico in favore di studenti, genitori e docenti del nostro Istituto.
In particolare l'intervento sarà realizzato dalla dott.ssa Sabrina Signorile, psicologa e psicoterapeuta del CAF di Japigia, dalle ore 10.00 alle ore 12.00, secondo il seguente calendario:

• 17 febbraio- 17 marzo - 14 aprile 2017, nella sede di viale Einaudi (laboratorio di scienze - piano terra);
• 3 marzo – 31 marzo – 28 aprile 2017, nella sede di via Viterbo (aula ricevimento genitori – primo piano).

Gli alunni potranno accedere allo sportello solo previa autorizzazione da parte dei genitori.

La stampa del modello di autorizzazione dovrà essere debitamente datato e firmato dai genitori degli alunni e consegnato alla dott.ssa Signorile.

Per ulteriori informazioni rivolgersi alla referente DSA prof.ssa Grazia del Core.

Clicca qui per per prenotarti


Progetto "Sportello Motivazionale"

A partire da martedì 7 febbraio 2017 sarà attivo presso il nostro Istituto uno sportello motivazionale per supportare gli studenti nella risoluzione delle varie problematiche che si presentano sia in ambito prettamente scolastico (rapporti con i compagni, con i docenti, gestione dei compiti,…) sia in ambito extrascolastico (relazioni con i genitori, rapporto con i coetanei).
A tal fine, gli alunni potranno usufruire della consulenza della dott.ssa Rossella Mesto (pedagogista) e della dott.ssa Cinzia Ponticelli (psicopedagogista).

 

Lo sportello sarà aperto 
Martedì dalle 10,30 alle 12,30 nella sede di viale Einaudi

Giovedì dalle 10,30 alle 12,30 nella Sede di via Viterbo

 

Per le prenotazioni da parte degli alunni, cliccare qui.


Per qualsiasi altra informazione gli alunni potranno rivolgersi alla referente prof.ssa Del Core Grazia.


I luoghi della memoria

LuoghiDellaMemoriaInvito page 001


Il Giulio Cesare apre il sipario

IMG 20170319 WA0010Nei giorni 11 e 18 marzo, grazie alla collaborazione del Dirigente Scolastico prof.ssa Giovanna Piacente e della prof.ssa Pistolese Marilva, si è dato vita ad una iniziativa volta a sensibilizzare i ragazzi al tema della violenza sulle donne.
Il gruppo teatrale senior della scuola Primi Applausi, diretto dalla Dott.ssa Amoruso Rossella ha presentato la pièce teatrale: "Piccole cose di valore non quantificabile", presso l'Auditorium del G. Cesare.  Il testo, tratto da un cortometraggio del 1999, diretto da Paolo Genovese e Luca Miniero e prodotto da Zebra Production, fu presentato presso il Festival Lo Sbarco dei Corti nel 1999.
Una piccola performance drammaturgia che, con tanta delicatezza, affronta uno dei mali sociali contemporanei.
La pièce ha avuto forte impatto sui ragazzi. I loro sguardi vividi e la loro espressione carica di tensione, l'estrema attenzione coronata da un rigoroso silenzio, sono state la prima risposta all'intento dell'iniziativa, ossia quello di arrivare dritto al cuore degli spettatori e di destare interesse e un forte  coinvolgimento emotivo verso un tema così difficile. Al termine dello spettacolo si è tenuto un dibattito durante il quale è stata offerta ai ragazzi la possibilità di dar voce a considerazioni personali. Alcuni di loro hanno avuto il coraggio di esprimere opinioni sul tema della violenza a tutto tondo e di aprirsi ai compagni denunciando esperienze vissute. L'evento ha rappresentato un'autentica opportunità di crescita per i ragazzi, favorita dallo scambio spontaneo di opinioni e dalla riflessione su esperienze condivise.IMG 20170319 WA0009


21 Marzo - Giornata mondiale della poesia

IMG 0217In occasione della Giornata Mondiale della Poesia, il 21 marzo, nell'Istituto Giulio Cesare sono state promosse alcune attività di gruppo ed individuali volte allo studio e alla creazione poetica in lingua spagnola, con l'obiettivo di risvegliare l'interesse degli alunni nei confronti della potenza evocatrice della Poesia.

In particolare, durante la settimana precedente, dedicata appunto alla Poesia, gli alunni delle classi Quinta D e Quinta E del Corso Linguistico si sono impegnati in uno sforzo di creazione poetica in cui riproporre temi e stili propri degli autori studiati, appartenenti ai movimenti letterari che appaiono contemporaneamente in Spagna alla fine del XIX secolo: il Modernismo e la Generación del 98.

L'intero lavoro è visionabile al link https://clasesrevueltas.blogspot.it/2017/01/la-belleza-y-la-incertidumbre.html, mentre tutte le pregevoli composizioni create dagli alunni sono visionabili in questa bacheca virtuale: https://padlet.com/gemmapatscot/hr4r11qkm3a4


Attraverso una votazione, cui hanno partecipato le due classi, sono risultate preferite le seguenti poesie:


1. La chica miraba hacia delante (prosa poética modernista) di Angelica Salanitro 5E

2. Buscando la belleza (poesía modernista) di Miriam Ancona 5E

3. Mi amiga luna (poesía modernista) di Arianna Semeraro 5D

3. No conozco la felicidad (poesía modernista) di Giorgia Bellomo 5D

Nell'ultima settimana, le stesse classi, Quinta D e Quinta E Linguistico, in base al progetto dedicato in maniera particolare alla Giornata Mondiale del 21 marzo, visionabile al sito https://clasesrevueltas.blogspot.it/2017/03/semana-de-la-poesia-cuartillas-en.html, hanno scelto i loro versi preferiti in lingua spagnola - seguendo semplici regole basate sulla numerologia della giornata (3-6) -   e hanno affisso i cartoncini blu su cui li hanno trascritti alle bacheche e ai muri dei corridoi, inondando la scuola di versi poetici.

Successivamente, in gruppi, hanno composto alcune rime nella forma metrica tipicamente spagnola, il romance, rispettando le sue caratteristiche (versi ottonari, rima assonante).


I versi preferiti degli alunni (contrassegnati da un numero)  e le romanze da loro create (contrassegnate da una lettera o da una R) sono visionabili sulla seguente bacheca virtuale: https://padlet.com/gemmapatscot/ld6z2chjwbb3


Formazione docenti di lingua francese

P70313 094645

Anche quest'anno l'Alliance Française di Bari in collaborazione con l'Ambasciata di Francia, l'Institut Français in Italia e l'Istituto Giulio Cesare, ha organizzato la Giornata di Formazione dei docenti di Lingua Francese.
La formazione che ha riguardato i docenti di tutta la Puglia ha avuto come tema principale "La créativité au service de l'apprentissage".
Dopo l'apertura del seminario svolta dalla dirigente scolatica Giovanna Piacente, sono intervenuti in qualità di relatori Christophe Chillio, rappresentante della Ambasciata francese a Napoli, Domenico D'Oria responsabile dell'Alliance Française di BAri e Adrien Payet, docente di lingua straniera all'estero.


E-Twinning

logo etwinning pms 5001 300x205

Insegnare con eTwinning significa anche ottenere riconoscimenti e certificazioni di livello nazionale e europeo per i risultati ottenuti, dando visibilità al lavoro svolto e ricevendo premi da condividere con colleghi e alunni. Il progetto Etwinning "Rutas fuera de la guía" realizzato presso il nostro Istituto dalla classe 5EL nell'anno scolastico 2015/2016, ha ricevuto il Certificato di Qualità nazionale e successivamente anche il Certfiicato di Qualità Europeo, riconoscimenti che attestano il raggiungimento di un preciso standard di qualità di un progetto di gemellaggio elettronico, determinato da criteri di qualità condivisi da tutta la rete eTwinning.
Di seguito i 6 criteri di qualità condivisi a livello europeo per l’assegnazione dei Certificati di Qualità e dei Premi ai progetti eTwinning:

1) Innovazione pedagogica
Le attività del progetto sono basate su innovativi metodi pedagogici, privilegiando il lavoro creativo, responsabile e autonomo di ciascun alunno, non necessariamente sottoposto all’idea del docente.
2) Integrazione curriculare
Il lavoro del progetto è integrato nel curricolo e nei programmi di studio delle varie materie coinvolte. La maggior parte del lavoro è svolto durante l’orario scolastico ed è parte integrante delle attività scolastiche. L’insegnante ha seguito chiaramente il curricolo attraverso le attività svolte.
3) Comunicazione e scambio fra le scuole partner
Il gemellaggio ha saputo attivare processi che favoriscono lo scambio e la condivisione delle informazioni tra insegnanti e alunni. Questo criterio valuta la qualità delle attività di comunicazione che gli insegnanti hanno progettato per o con i loro allievi, per far coincidere il lavoro delle classi ai temi e gli obiettivi del progetto.
4) Collaborazione fra scuole partner
Un gemellaggio è collaborativo quando entrambe le classi hanno bisogno del contributo dell’altra classe partner per completare l’attività previste. Le attività di collaborazione vanno quindi al di là della comunicazione, con i partner che sono co-autori e co-creatori di contenuti e prodotti. L’interazione diventa quindi concreta e tangibile.
5) Uso della tecnologia
Si valuta le modalità attraverso cui l’utilizzo della tecnologia ha favorito il lavoro partecipativo e condividere le informazioni tra i partner e quanto questa ha contribuito a favorire la creazione di prodotti finali ed i risultati del progetto.
6) Risultati, impatto e documentazione
Il criterio valuta i risultati finali del progetto: il modo in cui vengono presentate le attività online, il coinvolgimento degli alunni nella piattaforma, la documentazione delle attività, oltre all’impatto che ha avuto sulle competenze di alunni, insegnanti, personale scolastico e, più in generale, nei contesti esterni alla scuola.

 

Certificato di Qualità nazionale 

Certfiicato di Qualità Europeo


SportivaMENTE Biancorossi


biancorossi


Pagina 2 di 6

Area Riservata Docenti

Area Riservata Docenti

PNSD

pnsd

PTOF 2016/2019

Piano Triennale dell'Offerta Formativa

Rapporto AutoValutazione 2015

Rapporto di AutoValutazione 2015

Mobilità 2017/2018

mobilita

Fondi strutturali

logopon20142020

Login



Utilizziamo cookies proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi e la vostra esperienza di navigazione. Continuando a navigare questo sito fornite il vostro consenso all'utilizzo dei cookies.